Archivio di giugno 2011

Ares @ Avigliana: il commento tecnico di Cris

Avigliana, campo difficile per l’Ares che ancora una volta non riesce a vincere una partita sotto la Sacra di San Michele…

Doppia vittoria dei Piemontesi che vincono senza alcuna discussione o dubbio la prima partita, rovinata solo da una nostra scorrettezza in attacco, mentre la seconda la vincono sul filo di lana, di un punto, comunque meritandola per come tenacemente sono stati in partita sino all’ultimo, mentre ai nostri ragazzi non si può recriminare alcunché, anzi hanno solo avuto la sfortuna di aver avuto il monte di lancio un po’ corto…

Quindi primo incontro senza discussione, Sobhy sul monte di lancio prende subito 4 punti  ed 1 ne prende al secondo inning prima di uscire per un malore, fortunatamente risultato non grave; gli subentra Jimmy con uomini in base e siamo costretti ad accusare 5 valide che portano i piemontesi sul risultato di 10 a 0 mentre noi in attacco quando arriviamo in base sprechiamo gli uomini sulle basi, colti fuori base e o rubando (alla fine dell’incontro si contano 4 out colti rubando ed una trappola tra prima e seconda).

Mentre Calzone si riprende, l’Ares inizia a macinare gioco nonostante gli errori in attacco ed al 5 inning accorcia le distanze a 5 punti. Alchè 4 nuovi validi deli Aviglianesi riportano il risultato ad 8 lunghezze…13 a 5.

Al 7° facciamo un punto “carambolesco”  del quale mi rifiuto  di farne cronaca… e l’incontro si chiude 16 a 6.

In evidenza in battuta per l’Ares:Ramirez 2 su 4, Casiraghi 2 su 3, Herrera 1 su 2, Tunfio 2 su 3,  per un totale di 8 battute valide.

Per l’Avigliana:  Bondavalli 3 su 4, Mancini 1 su 2, Pizzorni 2 su 3, Celeste 3 su 3, Fornari 2 su 4, Zuanon 2 su 4, Scalzo 2 su 4 per un totale di 16 battute valide.

Secondo incontro sicuramente più equilibrato.

Inizia molto bene l’ares che si porta al 3° inning sul risultato di 3 a 0 mentre sul monte di lancio il veterano De Rossi blocca le mazze Torinesi.

Nei due inning successivi l’Avigliana riesce a portarsi in vantaggio per 4 a 3 mentre Zero Bernasconi rileva De Rossi ed al settimo i compagni di squadra  pareggiano 4 a 4.

All’ottavo inning la svolta decisiva della partita, l’Ares va in battuta molto aggressiva, e la parte bassa del Line up fa 3 bellissimi punti ben giocati.

Con la gioia del vantaggio l’Ares va in difesa, ma inizia un leggero calo di Zero che subisce 5 valide ed un sacrificio che riportano in vantaggio i piemontesi dandogli la vittoria finale per 8 a 7.

Partita ben giocata da ambo le squadre, nel baseball una sola deve comunque vincere e questo è avvenuto a favore dell’Avigliana.

Da evidenziare un bellissimo “solo home run” di Pizzorni, giovane promessa piemontese, che ha aperto le danze finali della vittoria.

In evidenza per l’Ares: Diaz 2 su 4, Trunfio 1 su 3, Vassallo 1 su 2, Bonato pinch-hitter 1 su 1, Cristiano 2 su 3 per un totale di 8 battute valide.

In evidenza per l’Avigliana: Mancini 1 su 3, Celeste 4 su 5, Fornari 3 su 4,  Casciello 3 su 4, Zuanon 2 su 4, per un totale di 14 battute valide.

Se la matematica non è una opinione, chi batte in due partite 30 valide e ne subisce solo 16 ha più possibilità di vittoria…

GC

Prima grigliata stagionale

Domenica 29 Maggio 2011.

A conclusione del doppio incontro contro il Langhirano che, come si è già detto nei post precedenti, ha portato in casa Ares la prima doppia vittoria dell’anno,  il complesso dell’Ares Ballpark è stato protagonista di un altro evento: la grigliata! Evento importantissimo, se non fondamentale, (il primo di questa stagione a causa delle avverse condizioni meteo di due settimane fa, giorno in cui abbiamo affrontato il Rajo) svoltosi nei pressi del privé e che ha ufficialmente presentato alla squadra due nuove fidanze (direbbe il Faso), la Zera e la Vassallina ( o Moviolina o Hichira fate voi, tanto i nomi veri non li usa mai nessuno).

Clima di festa quindi quello introno alla brace, e per il ritorno del Rookie, e per la prima doppia vittoria dell’anno. Anche se chi per un motivo, chi per un altro non ha potuto partecipare, è stata una buona occasione per unire ancora di più il gruppo, quest’anno molto più affiatato ed unito del solito. Abbiamo subito esperimenti alieni sulla mente ad opera della Zera, senza capire in realtà molto di quello che stava accadendo. Abbiamo analizzato le partite appena giocate, ovviamente in chiave scherzosa, grazie anche alle uscite “prive di qualunque filtro” di Gaetano che non ha perso l’occasione di far capire alle nuove arrivate come girano le cose in casa Ares, insistendo, guarda un po’, sul momento di pazzia che ha colto Vassallo portandolo a vagare sperduto tra una base e l’altra (un po’ come quando mi mettono a giocare nel prato).

Parlando di momenti particolare delle partite, uno dei due più curiosi l’ho vissuto di persona. Era il mio turno in battuta (terminato con un orrendo Ks) e dal dugout avversario sento un giocatore lamentarsi perché non giravo la mazza su lanci ball… non è forse lo scopo del gioco arrivare in base? Ho riso e sono tornato in panca. L’altra situazione, finita in un nulla di fatto a causa della distrazione degli arbitri impegnati ad aggiornare i contastrike invece di verificare la fine dell’azione l’abbiamo vissuta durante una chiamata di infield-fly. Pop esattamente sulla prima base, Fabio elimina facilmente il battitore e osserva il corridore tornato sulla prima base. Gli arbitri distolgono lo sguardo e il corridore (autodefinitosi in seguito con un termine a me estraneo ma presumibilmente paragonabile a “UGO”) si stacca dalla base, Fabio lo tocca, gli arbitri non vedono nulla e ancora una volta dalla panchina avversaria un non identificato giocatore ci accusa di fare “giochetti” invitandoci a giocare seriamente… Seriamente? Cosa c’è di non serio nell’eliminare un corridore che vaga a caso? Non abbiamo mica tentato una palla nascosta. Chissà cosa avrà voluto dire. Non lo sapremo mai…

Per questa settimana è tutto.

ATTENZIONE:

il Saini la domenica chiude alle 21:30 e non dopo le 22:00 come abbiamo supposto.