Archive del 25 luglio 2011

Ares vs Oltretorrente

Si chiude a 5 lo streak positivo dell’Ares che riesce a portare a casa un’importante vittoria contro l’Oltretorrente, squadra seconda in classifica.

A vincere gara 1 è il nostro Piazzi, che anche questa settimana ci propone un complete game di buon livello. Nonostante questo, i primi 2 inning vedono i nostri avversari segnare 1 punto a ripresa, ma nel 3 avviene il sorpasso bloccando l’attacco avversario e segnando 3 importantissimi punti. Importanti per il vantaggio acquisito e per il morale. Il gioco è più sereno, riusciamo a segnare altri 2 punti mantenendo il vantaggio di 5 – 2 sugli avversari fino all’8°.  In questa ripresa l’Oltretorrente mette a segno le giocate giuste riuscendo a portare a casa i punti del pareggio. Nella fase di attacco noi non riusciamo a concludere nulla, mantenedo il punteggio invariato. Andiamo alla ripresa finale determinati a non concedere nulla ai nostri avversari. Riusciamo nel nostro proposito bloccando l’attacco giallo-blu. Arriva il momento di far vedere la nostra voglia di vincere. Con Joan in 3° e 2 out Miguel chiude l’incontro con una lunga linea al centro portando a casa il punto del 6-5.

Nonostante la vittoria, l’Ares di questo incontro non si è dimosatrto al livello di quello visto nelle settimane passate. Diversi errori di routine e soprattutto troppi sulle basi, principalmente di distrazione che hanno fatto sì che molti segnali non venissero presi sia dai corridori sia dai battitori.

Gara 2, anche qui complete game per Jimmy Calzone, che risulta però perdente nonostante riesca a contenere molto bene le mazze avversarie concedendo solamente 5 punti. I nostri avversari si portano subito in vantaggio mentre il nostro attacco fatica ad ingranare. Anche durante questo incontro si vedono segnali non presi e poca attenzione sulle basi. In evidenza in difesa e in attacco Stefano Vassallo, che con il suo 3 su 4 e delle belle corse all’esterno destro riesce a mettersi positivamente in mostra. Spettacolare anche una presa in corsa “over the shopulder” del nostro Rookie dietro la 2° base.

Da segnalare anche il triplo gioco al 9°. Un po’ atipico, ma è comunque un triplo gioco difensivo. Basi piene, volata di sacrificio al centro. Gli uomini in terza e in seconda fanno un pesta-e-corri. Entra il punto, ma Miguel dall’esterno brucia il corridore che tenta di raggiungere la terza. 2 out. Non so bene cosa sia successo, ma pare che il modo in cui il corridore (prima base dell’oltretorrente) sia scivolato sulla 3° non sia piaciuto molto al nostro Joan che inizia così una piccola discussione, non sembra niente di preoccupante. Tutto ciò mentre la palla è ancora in gioco, nessuno ha chiesto tempo e così mentre nella zona dell’interbase si forma un gruppetto di persone che vuole fiar chiarezza sull’accaduto, il corridore in prima, che non ha fatto il pesta e corri, prova a raggiungere il sacchetto di 2° incustodito. Fortunatamente ce ne accorgiamo in tempo e riusciamo a eliminare anche lui. Sfortunatamente, eliminandolo, perdiamo l’occasione di uscire dal campo motivati. Scappa la parola di troppo e così anche questa volta rischiamo di fare una pessima figura. Rischiamo perché alla fine tutto si è risolto in un finale pacifico.

Una gara vinta a testa.

Ares @ Rajo

Ancora una doppia vittoria per i ragazzi dell’Ares, questa settimana in trasferta nella vicnia Mazzo di Rho per affrontare il Rajo. Risultato molto importante, quello conseguito, in quanto ci risolleva dal fondo della classifica portando l’Ares a pochissima distanza da Cagliari, Brescia ed Avigliana. La giornata si è aperta con un minuto di silenzio per commemorare il soldato italiano morto recentemente in Afghanistan.

Dal sito Ares:

“ARES@RAJO RHO: 2 VITTORIE IN TRASFERTA! OH YEAH!
Ecco i risultati di sabato scorso:
Gara 1 : Ares 11, RajoRho 6. Lanciata alla grande da Gianluca Piazzi, che si conferma il nostro “uomo del monte”, mentre il line-up Ares è in un periodo vulcanico: battono tutti, bene e forte.
Gara 2 : Ares 5, RajoRho 2. Un super Jimmy Calzone sul monte Ares, che tiene a bada con maestria gli avversari e concede molto poco, supportato da una difesa solidissima, è costretto a scendere all’8° inning per uno strappo. Chiude Miguelito Herrera che spara col bazooka e non fa vedere la palla ai ragazzi del Rajo. Ottima gestione strategica di Gaetano Cristiano, che chiama anche uno squeeze al momento giusto, magistralmente eseguito da Pierre Cerati.”