Articoli marcati con tag ‘fibs’

Ares @ Langhirano – il commento di FASO

L’ARES A TUTTO VAPORE NEL GIRONE DI RITORNO: 2 VITTORIE IN TRASFERTA CONTRO IL LANGHIRANO è il soddisfacente bilancio della scorsa domenica. In gara 1 partiamo subito agguerriti mettendo 2 uomini in base ma non arrivano valide in tempo utile per segnare punti. Sul monte di lancio parte Piazzi che subisce un paio di volatine velenosette valide + una valida vera che consentono al Langhirano di segnare 2 punti. Poco dopo i padroni di casa ne portano a casa un altro e il tabellone segna 3 – 0, mentre in attacco il line-up sainiano non produce un bel niente fino al 7° inning, quando Quisini si ritrova in 3° base grazie ad un errore dell’esterno destro: a seguire arriva la nostra seconda valida dalla mazza di Pietro Bonato, e finalmente scriviamo “1″ sul tabellone. Piazzi non concede più nulla, ma neanche il monte del Langhirano, che annulla completamente anche il nostro 8° attacco. Al 9° inning l’ultima chance di rimontare è nelle mani del trio 7-8-9 del line-up Ares: Bonato, FabioTesta (che guadagna una base per ball fondamentale) e Andrea Cristiano si mettono in base, complice anche la difesa dei padroni di casa che va in tilt: arriva nel box Joan Ramirez che spara una bomba all’esterno e porta a casa i punti del pareggio, e a seguire Fabio Casiraghi, Miguel , Danny, Trunfio portano a casa altri 3 punti che ci catapultano sul 6-3 per noi. Nell’ultimo attacco Piazzi non concede niente ed usciamo dal campo con una bella vittoria di squadra. La frase “la partita non è finita finché non viene fatto l’ultimo out” si conferma una grande verità che rende il baseball uno sport pazzesco: 1 punto e 2 valide in 8 inning, 5 punti e 5 valide nell’ultimo inning!
Gara 2 si apre con i ragazzi del Langhirano particolarmente caldi che trovano buoni contatti contro il nostro partente Jimmy Calzone e segnano 2 punti, ma Jimmy ritrova subito l’equilibrio e si gode i suoi compagni in attacco che rispondono a tono segnando 4 punti nel 2° inning e 5 nel 3°. La musica non cambia nel prosieguo della partita, Jimmy anestetizza i padroni di casa con sicurezza mentre le mazze Ares battono a casa altri punti e il risultato diventa 13-2 per noi. Al 5° inning il nostro manager Gaetano Cristiano colloca sul monte Zero che lancia impeccabilmente, rilevato infine al 7° da “Zanna” Zaniboni che chiude l’incontro con sicurezza. Commento finale: grande Ares, YEAH!
Nota di merito agli arbitri Domenico Macchione e Giampiero Carpani: ottima conduzione di entrambe le partite con competenza e tranquillità.
E adesso tutti al mare – o in montagna o dove vi pare- a mostrar le chiappe chiare, e ci vediamo domenica 28 agosto al Saini per la penultima sfida del campionato contro l’Avigliana. Buone vacanze!

Ares @ Langhirano

Domenica 31 Luglio 2011.

Doppia vittoria per l’Ares prima della pausa estiva.

Gara 1: l’incontro è iniziato bene per i nostri avversari che, grazie ad una serie di valide piazzate nei punti meno coperti del campo, riescono a portarsi subito in vantaggio segnando 1 e 2 punti rispettivamente nel primo e nel secondo inning. Intanto l’attacco Ares non riesce a esprimere le sue potenzialità, tenuto a bada dalle palle veloci del lanciatore avversario. Anche in questo incontro fatichiamo a trovare la disciplina necessaria al piatto, perdendo così l’occasione di sfruttare a nostro vantaggio i numerosi lanci ball offertici dal monte del Langhirano. Dal terzo inning in avanti non si vedrà più alcun punto. Piazzi trova il suo ritmo e la difesa lavora bene. Arriviamo così al settimo dove finalmente entra il primo punto per l’Ares: grazie ad un errore difensivo dell’esterno destro che non trattiene la palla presa al volo, Quisini, da “eliminato”, si evolve come un pokemon in “corridore in terza” arrivando in seguito a casa base grazie ad un valida di Bonato. Teniamo a bada l’attacco del Langhirano per il settimo ed ottavo inning presentandoci nel box di battuta al nono col punteggio di 1 -3 per la squadra di casa. In questo ultimo attacco a nostra disposizione riusciamo a segnare 5 punti portandoci a 3 sopra il Langhirano. La partita si chiude col punteggio di 6 – 3.

Gara 2: tutto molto più semplice in questo secondo incontro della giornata. Sul monte di lancio l’Ares schiera Calzone, che parte un po’ sotto tono, subendo 2 punti, e trovandosi subito in svantaggio alla fine della prima ripresa. L’attacco dell’Ares però è più concentrato e già dal secondo inning sorpassa la squadra di casa segnando 4 punti nel secondo, 5 nel terzo e altri 4 nel quarto inning. In queste riprese Calzone ritrova la sua zona e variando bene i lanci tiene a zero gli avversari, chiudendo così la partita (credo come vincente) al terzo inning. Le successive 3 riprese sono lanciate dal nostro Bernasconi che,  dopo un’assenza sul monte di 2 giornate, torna in campo motivato e concentrato. Il controllo di palla è buono e concede un solo punto agli avversari. Chiude l’incontro Zaniboni, che tiene a zero l’attacco del Langhirano. Con un eliminato e un uomo in prima tentiamo un doppio gioco divensivo 6-4, 4-3: eliminiato il corridore che avanzava verso la seconda, ma la palla a terra dietro la prima spinge il corridore a cercare di guadagnare la seconda base, venendo eliminato da Cristiano assistito da Quisini in copertura dietro la prima.

Giornata positiva quindi per noi Ares che, per non rimanere bloccati da un probabile “rientro” dal fine settimana al mare, si è messo subito in marcia verso casa. Come dei novelli Odissei siamo però stati attratti da un sirena particolare, un cartellone giallo recante una scritta rossa molto invitante “TORTA FRITTA”. Come resistere? Così abbiamo festeggiato le 2 vittorie con la torta fritta e gli ottimi affettati locali. Ripreso il nostro cammino verso casa non abbiamo nemmeno trovato traffico. Meglio di così!

Buone vacanze a tutti.

Ilario

Ares vs Oltretorrente

Si chiude a 5 lo streak positivo dell’Ares che riesce a portare a casa un’importante vittoria contro l’Oltretorrente, squadra seconda in classifica.

A vincere gara 1 è il nostro Piazzi, che anche questa settimana ci propone un complete game di buon livello. Nonostante questo, i primi 2 inning vedono i nostri avversari segnare 1 punto a ripresa, ma nel 3 avviene il sorpasso bloccando l’attacco avversario e segnando 3 importantissimi punti. Importanti per il vantaggio acquisito e per il morale. Il gioco è più sereno, riusciamo a segnare altri 2 punti mantenendo il vantaggio di 5 – 2 sugli avversari fino all’8°.  In questa ripresa l’Oltretorrente mette a segno le giocate giuste riuscendo a portare a casa i punti del pareggio. Nella fase di attacco noi non riusciamo a concludere nulla, mantenedo il punteggio invariato. Andiamo alla ripresa finale determinati a non concedere nulla ai nostri avversari. Riusciamo nel nostro proposito bloccando l’attacco giallo-blu. Arriva il momento di far vedere la nostra voglia di vincere. Con Joan in 3° e 2 out Miguel chiude l’incontro con una lunga linea al centro portando a casa il punto del 6-5.

Nonostante la vittoria, l’Ares di questo incontro non si è dimosatrto al livello di quello visto nelle settimane passate. Diversi errori di routine e soprattutto troppi sulle basi, principalmente di distrazione che hanno fatto sì che molti segnali non venissero presi sia dai corridori sia dai battitori.

Gara 2, anche qui complete game per Jimmy Calzone, che risulta però perdente nonostante riesca a contenere molto bene le mazze avversarie concedendo solamente 5 punti. I nostri avversari si portano subito in vantaggio mentre il nostro attacco fatica ad ingranare. Anche durante questo incontro si vedono segnali non presi e poca attenzione sulle basi. In evidenza in difesa e in attacco Stefano Vassallo, che con il suo 3 su 4 e delle belle corse all’esterno destro riesce a mettersi positivamente in mostra. Spettacolare anche una presa in corsa “over the shopulder” del nostro Rookie dietro la 2° base.

Da segnalare anche il triplo gioco al 9°. Un po’ atipico, ma è comunque un triplo gioco difensivo. Basi piene, volata di sacrificio al centro. Gli uomini in terza e in seconda fanno un pesta-e-corri. Entra il punto, ma Miguel dall’esterno brucia il corridore che tenta di raggiungere la terza. 2 out. Non so bene cosa sia successo, ma pare che il modo in cui il corridore (prima base dell’oltretorrente) sia scivolato sulla 3° non sia piaciuto molto al nostro Joan che inizia così una piccola discussione, non sembra niente di preoccupante. Tutto ciò mentre la palla è ancora in gioco, nessuno ha chiesto tempo e così mentre nella zona dell’interbase si forma un gruppetto di persone che vuole fiar chiarezza sull’accaduto, il corridore in prima, che non ha fatto il pesta e corri, prova a raggiungere il sacchetto di 2° incustodito. Fortunatamente ce ne accorgiamo in tempo e riusciamo a eliminare anche lui. Sfortunatamente, eliminandolo, perdiamo l’occasione di uscire dal campo motivati. Scappa la parola di troppo e così anche questa volta rischiamo di fare una pessima figura. Rischiamo perché alla fine tutto si è risolto in un finale pacifico.

Una gara vinta a testa.

Ares @ Rajo

Ancora una doppia vittoria per i ragazzi dell’Ares, questa settimana in trasferta nella vicnia Mazzo di Rho per affrontare il Rajo. Risultato molto importante, quello conseguito, in quanto ci risolleva dal fondo della classifica portando l’Ares a pochissima distanza da Cagliari, Brescia ed Avigliana. La giornata si è aperta con un minuto di silenzio per commemorare il soldato italiano morto recentemente in Afghanistan.

Dal sito Ares:

“ARES@RAJO RHO: 2 VITTORIE IN TRASFERTA! OH YEAH!
Ecco i risultati di sabato scorso:
Gara 1 : Ares 11, RajoRho 6. Lanciata alla grande da Gianluca Piazzi, che si conferma il nostro “uomo del monte”, mentre il line-up Ares è in un periodo vulcanico: battono tutti, bene e forte.
Gara 2 : Ares 5, RajoRho 2. Un super Jimmy Calzone sul monte Ares, che tiene a bada con maestria gli avversari e concede molto poco, supportato da una difesa solidissima, è costretto a scendere all’8° inning per uno strappo. Chiude Miguelito Herrera che spara col bazooka e non fa vedere la palla ai ragazzi del Rajo. Ottima gestione strategica di Gaetano Cristiano, che chiama anche uno squeeze al momento giusto, magistralmente eseguito da Pierre Cerati.”

Ares vs Cairese

Domenica 10 Luglio 2011

Doppia vittoria in casa per l’Ares che festeggia con una grande grigliata. Speravo saremmo satti di più, ma stranamente la notizia non è giunta a tutti e chi per impegni di studio, chi per impegni precedenti ha dovuto saltare l’ultima grigliata prima dell’interruzione estiva. A queste persone dico di non temere: è rimasta birra in abbondanza.
Veniamo ora alle partite, la prima delle quali ha visto un Gianluca Piazzi in gran spolvero, aiutato da una solida difesa ha concesso un solo punto all’attacco ligure. Giornata calda e polverosa quella che ha visto un agguerritissimo Ares calcare il terreno di gioco. La voglia di riscatto era tanta, dopo la doppia sconfitta subita nel turno di andata, così iniziamo subito a macinare punti, lasciando nel contempo a 0 le mazze avversarie. La partita rimarrà a senso unico fino al 9°, consegnando la vittoria al nostro Piazzi, protagonista di un complete game giocato (secondo me) in modo pulito e lineare da tutta la squadra, attenta e concentrata sui fondamentali. Peccato non aver concluso la partita al 7°,  ma non essendo riusciti a segnare il punto necessario al 6° e al 7° e lasciando un po’ di unomini in base, abbiamo dovuto continuare regolarmente, subendo all’8° il punto che ha fatto sfumare la shut-out.
La seconda partita è stata invece più equilibrata.  So che è un commento scarso, ma non mi viene in mente niente. Ottima prova in battuta di Pit che per ben 2 volte è riuscito a farmi avanzare sulle basi battendomi addosso. Da parte mia continua la serie infelice di non valide che fanno fare errori agli avversari e mi permettono di arrivare salvo.
Ilario
PS: leggendo l’articolo pubblicato dalla Cairese (trovate il link ne “Il dogout avversario”) ho visto la foto riportata qui sotto e  non capisco cosa stia succedendo. Chi me la spiega?
(copiright del fotografo)

Ares vs CUS Brescia

Domenica 3 Luglio 2011

Dal sito ufficiale:

“Ecco i risultati della scorsa domenica al Saini
Gara 1 : CUS Brescia 9, Ares 5, splendidamente lanciata da Gianluca Piazzi, che avrebbe meritato una vittoria.
Gara 2 : CUS Brescia 17, Ares 9, mollemente affrontata dal line-up Ares, decisamente barzotto.
Commento generale: a parte alcuni giocatori in campo, manca la capacità di superare i momenti “duri” della partita e le mazze lasciano troppi uomini in base.”

Ares vs Old Rags Lodi

Domenica 26 Giugno 2011

Dal sito ufficiale :

“Gara 1 ha visto prevalere gli Old Rags che infilano una serie di valide al nostro partente Sobhy e portano a casa una discreto gruzzoletto di punti (7) nei primi 2 inning. Sobhy viene rilevato da Piazzi e la musica cambia: poche valide, pochi punti, e l’Ares si risveglia segnando 2 punti e sfoggiando una serie di giocate difensive eccellenti, tra le quali un TRIPLO GIOCO attivato da Danny Diaz, WOW! Ma i punti subiti nei primi 2 inning sono tanti da recuperare, ed il risultato finale è 8 a 2 per il Lodi.
Gara 2 è molto equilibrata, ma il potente line-up degli avversari non smette di produrre punti ed al 6° inning il tabellone dice 6 a 2 per il Lodi. Al 7° inning le mazze Ares improvvisamente tuonano, con valide in sequenza di Cerati, Ramirez, Herrera, Bonato e riusciamo ad agguantare il pareggio. All’inizio dell’8° inning, sul monte Ares sale il mitico Miguelito Herrera, la tensione è alle stelle: basi piene, zero out, battuta…pop out, primo out. Battitore successivo: strike out! Secondo out. Battitore successivo: battuta sull’esterno destro: Max Trunfio è perfettamente sotto la palla, apre il guanto e…la busa clamorosamente, permettendo al Lodi di segnare ben 3 punti! Nei due attacchi successivi, con le balle sotto le scarpe, non riusciamo a fare niente ed il risultato finale è 9 a 6 per gli avversari.”

Ares vs Cagliari

Eccomi qui, con un po’ di ritardo, a cercare di raccontare quello che è successo domenica 12 Giugno.

Dopo la brutta doppia sconfitta della settimana scorsa (4 giugno 2011) contro l’Avigliana, l’Ares conquista un’importante doppia vittoria contro il Cagliari.

- Molti doppi giochi girati dai padroni di casa.

- Pepitoni di Danny e di Ebau Gabriele

- splendido out di Miguel con un “tuffo spettacolare” concluso con un doppio carpiato.

Ormai è passato un po’ di tempo e sono sempre in attesa della pubblicazione del box score per ritornare alle partite e scrivere qualcosa di più interessante.

Ares @ Avigliana: il commento tecnico di Cris

Avigliana, campo difficile per l’Ares che ancora una volta non riesce a vincere una partita sotto la Sacra di San Michele…

Doppia vittoria dei Piemontesi che vincono senza alcuna discussione o dubbio la prima partita, rovinata solo da una nostra scorrettezza in attacco, mentre la seconda la vincono sul filo di lana, di un punto, comunque meritandola per come tenacemente sono stati in partita sino all’ultimo, mentre ai nostri ragazzi non si può recriminare alcunché, anzi hanno solo avuto la sfortuna di aver avuto il monte di lancio un po’ corto…

Quindi primo incontro senza discussione, Sobhy sul monte di lancio prende subito 4 punti  ed 1 ne prende al secondo inning prima di uscire per un malore, fortunatamente risultato non grave; gli subentra Jimmy con uomini in base e siamo costretti ad accusare 5 valide che portano i piemontesi sul risultato di 10 a 0 mentre noi in attacco quando arriviamo in base sprechiamo gli uomini sulle basi, colti fuori base e o rubando (alla fine dell’incontro si contano 4 out colti rubando ed una trappola tra prima e seconda).

Mentre Calzone si riprende, l’Ares inizia a macinare gioco nonostante gli errori in attacco ed al 5 inning accorcia le distanze a 5 punti. Alchè 4 nuovi validi deli Aviglianesi riportano il risultato ad 8 lunghezze…13 a 5.

Al 7° facciamo un punto “carambolesco”  del quale mi rifiuto  di farne cronaca… e l’incontro si chiude 16 a 6.

In evidenza in battuta per l’Ares:Ramirez 2 su 4, Casiraghi 2 su 3, Herrera 1 su 2, Tunfio 2 su 3,  per un totale di 8 battute valide.

Per l’Avigliana:  Bondavalli 3 su 4, Mancini 1 su 2, Pizzorni 2 su 3, Celeste 3 su 3, Fornari 2 su 4, Zuanon 2 su 4, Scalzo 2 su 4 per un totale di 16 battute valide.

Secondo incontro sicuramente più equilibrato.

Inizia molto bene l’ares che si porta al 3° inning sul risultato di 3 a 0 mentre sul monte di lancio il veterano De Rossi blocca le mazze Torinesi.

Nei due inning successivi l’Avigliana riesce a portarsi in vantaggio per 4 a 3 mentre Zero Bernasconi rileva De Rossi ed al settimo i compagni di squadra  pareggiano 4 a 4.

All’ottavo inning la svolta decisiva della partita, l’Ares va in battuta molto aggressiva, e la parte bassa del Line up fa 3 bellissimi punti ben giocati.

Con la gioia del vantaggio l’Ares va in difesa, ma inizia un leggero calo di Zero che subisce 5 valide ed un sacrificio che riportano in vantaggio i piemontesi dandogli la vittoria finale per 8 a 7.

Partita ben giocata da ambo le squadre, nel baseball una sola deve comunque vincere e questo è avvenuto a favore dell’Avigliana.

Da evidenziare un bellissimo “solo home run” di Pizzorni, giovane promessa piemontese, che ha aperto le danze finali della vittoria.

In evidenza per l’Ares: Diaz 2 su 4, Trunfio 1 su 3, Vassallo 1 su 2, Bonato pinch-hitter 1 su 1, Cristiano 2 su 3 per un totale di 8 battute valide.

In evidenza per l’Avigliana: Mancini 1 su 3, Celeste 4 su 5, Fornari 3 su 4,  Casciello 3 su 4, Zuanon 2 su 4, per un totale di 14 battute valide.

Se la matematica non è una opinione, chi batte in due partite 30 valide e ne subisce solo 16 ha più possibilità di vittoria…

GC

Ares @ Oltretorrente: il commento tecnico di Cris

Due bellissime partite al campo San Pancrazio di Parma tra l’Oltretorrente Parma e l’Ares di Milano

La prima viene vinta dall’Ares per 2 a 1, mentre la seconda la vince l’Oltretorrente per 8 a 7 pareggiando le sorti

Molto tecnica e bella la prima partita che tiene le squadre equilibrate sino alla fine quando l’Ares riesce a fare un punto in più aggiudicandosi l’incontro.

Sul monte di lancio milanese, il veterano Jimmy Calzone riesce a contenere le mazze parmensi con grande controllo e sicurezza, e risulta meritatamente il lanciatore vincente.

In battuta si evidenziano, Juan Ramirez con 2 su 4 turni, Danny Perdomo con 1 su 3 ma con il bunt di sacrifico che ha dato l’opportunità del punto della vittoria, Albertari 1 su 2

Diversamente le mazze dell’Oltretorrente si distinguono solo con 1 su 3 di Zanichelli 1 su 3 di greci e 1 su 1 di Signorastri

Il secondo incontro inizia bene per l’Oltretorrente che si porta sul risultato di 4 a 0 alla fine del 4° inning.

Al 5° l’Ares accorcia facendo 2 punti grazie al calo del lanciatore Moretti, mentre i parmensi lo stesso inning si riportano sul risultato di 5 a 2.

A questo punto l’Ares all’ottavo si avvicina sul 5 a 4 ed all’ultimo inning nella prima metà si porta sul risultato di 7 a 5 grazie all’incontenibile turno d’attacco sui due out di Ramirez, Cerati,Casiraghi, Perdomo

Nella seconda metà, finale di partita, alcuni errori arbitrali (che hanno penalizzato entrambe le squadre in entrambi gli incontri) e alcune disattenzioni della difesa dell’Ares lasciano l’opportunità ai parmensi di pareggiare;  poi, per un errore di tiro del lanciatore Bernasconi, l’Oltretorrente porta a casa una vittoria che era già nelle nostre mani.

In battuta si evidenziano Cerati 3 su 5, Casiraghi 2 su 5, Perdomo 2 su 4, Herrera 2 su 5, Quisini 1 su 3, Cristiano 2 su 4 per l’Ares, mentree per i parmensi Mattioli 1 su 3, Pinazzi 2 su 4, Zanichelli 2 su 5, Magelli 4 su 5, Lori 1 su 2, Signorastri 1 su 3.

Note negative:

- La performance degli Arbitri, decisamente non all’altezza della situazione

- l nostro lanciatore di gara 2, Zero Bernasconi, che perde la calma e litiga con il pubblico

- Uno spettatore del pubblico di Parma che continua ad offendere i giocatori in campo, nonostante fosse stato pregato di smettere,  visto che già tutta l’Ares aveva ripreso severamente il proprio giocatore che si era comportato in modo  sgradevole.

Un commento finale: la coppia arbitrale ha fatto del suo meglio per compromettere due bellissimi incontri,  danneggiando entrambe le squadre e il bel gioco visto in campo infiammando la sana tensione agonistica con chiamate approssimative.